Creare un blog: 5 passi per arrivare al successo

Creare un blog 5 passi per arrivare al successo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Innanzitutto chiariamo la parola successo.

Successo è quando ti ritrovi molte visite sulle tue pagine, con un tempo di permanenza alto. Vediamo ora i 5 passi per arrivare al successo del tuo blog.

1. L’infrastruttura

In gergo tecnico e ovviamente improprio, la definirei come l’hardware del Blog e racchiude le seguenti cose:

A) Hosting Web

Il provider che vi fornirà lo spazio e i servizi per realizzare il vostro sito web.

IMPORTANTE: velocità e tempi di risposta brevi, oltre ad una buona stabilità del servizio.

B) Dominio

La scelta del nome è fondamentale, specie se la vostra intenzione è quella di creare un blog tematico, ciò un sito dove i contenuti sono relativi ad argomenti specifici.

IMPORTANTE: il nome deve essere piuttosto breve e semplice, così da poter rimanere impresso nella memoria dei vostri visitatori.

C) Piattaforma

Fondamentale per non perdere troppo tempo sui tecnicismi della programmazione (PHP, ASP, HTML, etc), scegliere una piattaforma già pronta all’uso (CMS Content Managent System) dove inserire i propri contenuti e definire uno stile grafico accattivante e piacevole.

IMPORTANTE: affidarsi a CMS con una certa longevità e continuità negli aggiornamenti; ciò evita di ritrovarsi con una piattaforma piena di bug e potenzialmente soggetta ad attacchi hacker.

Consigliamo WordPress o in alternativa (più economica per i servizi di hosting) FlatPress.

2. Contenuti

Possiamo considerare i nostri articoli, immagini e contenuti in senso generale, come la benzina che fa muovere il nostro blog; quest’ultima affermazione è valida nel bene e nel male, ecco perché:

A) Qualità e pertinenza

Scrivere con buona proprietà di linguaggio e in modo semplice o in alternativa, qualora non sia il vostro forte, scrivere in modo schematico ma con un buon impatto visivo (ad esempio una guida per…).

I contenuti non devono però essere scarni, semmai piuttosto lunghi e soprattutto originali, non copiati; oltre ad essere di cattivo gusto, il rischio è quello di essere penalizzati dai motori di ricerca, Google in primis.

IMPORTANTE: i contenuti devono essere pertinenti all’argomento solitamente trattato dal blog, contenere immagini (la ricerca attraverso Google Immagini è molto usata) e citare sempre fonti o servizi attraverso l’uso di link.

B) Risorse e contenuti

Offrite risorse e contenuti in modo completamente gratuito.

Tips & tricks: Se siete sviluppatori software, avete scritto un ebook o avete altro da offrire, la “rete” è sempre pronta a cogliere opportunità come queste, qualsiasi esse siano. Un programma, delle immagini, un servizio o anche solo delle ricette culinarie, sono i modi più veloci per ottenere visite e traffico in entrata.

Questi possono essere “no-follow” o “do-follow”: i primi non incrementano il nostro page rank (solitamente i link presenti nei commenti), mentre i secondi sono solitamente delle citazioni ai nostri articoli.

IMPORTANTE: evitate se potete, come indicato da altre parti, di richiedre l’affiliazione tramite email per il download o per usufruire di un servizio.%0�

Questi possono essere “no-follow” o “do-follow”: i primi non incrementano il nostro page rank (solitamente i link presenti nei commenti), mentre i secondi sono solitamente delle citazioni ai nostri articoli.

Inscriviti alla nostra Newsletter

Condividi questo post!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin