Modelli comunicativi nel marketing di relazione

Modelli comunicativi nel marketing di relazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Per un corretto approccio relazionale (e quindi nel pieno rispetto del marketing di relazione) è indispensabile perdere quelle forme comunicative tipiche di una certa letteratura industriale ed imprenditoriale che nata negli anni 70 si protrae mestamente, in molti casi, ancora sino ad oggi. In pratica è necessario smettere quelle forme espressive stereotipate che appaiono nelle presentazioni così come nelle brochures, nei siti web ma anche nelle offerte commerciali, in cui si tende a parlare in terza persona della propria azienda o di se stessi, espressioni come:

L’ AZIENDA XXXX ha fatto….; La XXXX è nata,… offre… annovera….; La XXX è lieta di, ecc..

o ancora espressioni come:

L’AZIENDA XXX di cui rappresento, ecc; I prodotti dell’ Azienda XXXX

O ancora, consentitemi il riferimento iconografico semplicistico ma esemplificativo, l’uso di immagini che costituiscono vere e proprie barriere comunicative, che allontanano invece di avvicinare e che il mercato rifiuta con un semplice “non ne possiamo più di foto di grandi capannoni visti dall’alto senz’anima ne corpo… “

Queste forme comunicative contribuiscono ad allontanare le aziende dal mercato target che d’altro canto presta attenzione a chi utilizza modalità molto più dirette, ammira chi ha la capacità di mettersi in gioco in prima persona e da ascolto a quelle aziende che dicono” IO SONO, questa è la mia storia, questo sono io con le mie persone” (storytelling) ; aziende che semplicemente utilizzano un linguaggio one to one. Non un linguaggio misero o spoglio, ne troppo sintetico o schematico, piuttosto una sorta di narrazione epistolare (letteraria, così come si scrive ad un amico), qualche cosa che abbia la capacità di attrarre l’attenzione, che ci faccia sentire partecipi e capire che dall’altra parte ci sono persone come noi, uguali a noi, che possono relazionarsi ed entrare in empatia. Forse il primo passo è proprio quello di togliersi di dosso una certa sacralità imprenditoriale, ricordarsi che le aziende sono fatte di persone e come tali dovrebbero agire e comunicare; certo, persone che utilizzano un modello comunicativo univoco, coerente, strategico anche, ma che parlano un linguaggio diretto e mirano all’anima ed al cuore di chi è in ascolto. “Se credo in quello che faccio allora posso anche comunicarlo e se ciò richiede uno sforzo, a volte faticosissimo, per trovare le parole giuste, la ricompensa sarà equa“.

Ed allora andrebbero totalmente riviste pagine e pagine di comunicazione aziendale, rifatte presentazioni ed offerte commerciali, ripensate le modalità ed i modelli comunicativi? SI CERTO! 

Se il mercato si è evoluto non lo è stato solo per quello che riguarda il prodotto/servizio ma soprattutto per ciò che concerne i modelli comunicativi ed aggregativi, per gli approcci relazionali e per il senso di appartenenza; ed il sogno o miraggio di molte aziende di diventare l”idolo” del proprio cliente può prendere vita solo con l’attivazione o la riattivazione di una comunicazione spontanea, personale, pura e semplice.

Tutto questo ha però una prerogativa: essere assolutamente trasparenti con il proprio mercato target e non sempre lo vogliamo essere...

Inscriviti alla nostra Newsletter

Condividi questo post!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin